giovedì 13 dicembre 2012

Monsters are real

Monsters are real and ghosts are real too. They live inside us and sometimes they win. (ever they win)

I mostri esistono così come i fantasmi. Vivono dentro di noi e qualche volta vincono.
*è un post scritto male, non c'è poetica, non c'è logica*
Possiamo fare finta che non sia successo niente, possiamo chiudere gli occhi per un po' e accogliere lo scorrere del tram tram quotidiano. Possiamo stare qui una notte e fare finta che sia per sempre. Puoi vedere le mie ciccatrici e io i tuoi occhi. Noi non siamo amanti, siamo solo vite ubriache buttate in un cespuglio a guardare il cielo con la neve che ghiaccia le labbra e fa intasare di moccio il naso. Possiamo fare finta sia romantico o uno di quei momenti riflessivi nei film in cui la voce fuori campo spiega cosa dovresti provare, ma la verità è che alzarci non è possibile. Un'altra prima serata così , ma a casa questa volta ci arrivo. E non c'è nessuno , Decido che è venuto il momento di fare qualche massacro. Un colpo di stato. Un attentato, un boicottaggio generale.La presa alla bastiglia.La cosa migliore sarebbe ingollare delle pillole(di qualsiasi tipo, non faccio razzismo). Ma non certo da uccidersi, guai mai, sarebbe davvero troppo da coraggiosi. Giusto un po' da star male, così...forse più per la teatralità. Il mostro dentro la mia testa si mette in poltrona ridendo , have a good play! Non ho nessun tipo di sostanza stupefacente, però penso che se avessi quella giusta, in quantità giusta, allora si che me la sparerei in vena e aspetterei di morire.
Okkei, lascio perdere e vado in cucina : 3 bicchieri di latte (sono intollerante) , 3 cuchiai di cacao, 6 di zucchero. Cioccolata calda che passione, è da lunedì che non tocco nessun tipo di cibo e sgobbo in palestra. Voglio dinuovo diventare cicciona , una stupida vacca enorme che bruca bruca bruca.

Mi vengono mille domande.
Se mangio 1 kg di zucchero muoio, mi viene solo il diabete, oppure vomito  prima di stare davvero irrimediabilmente male?
Se bevo 3 litri di acqua in un colpo solo la mia pressione osmotica regge o ho un collasso e schiatto?
Se vado in palestra senza mangiare un gr di carne o proteine il muscolo si espande di meno?
Perchè perdo rozzi di capellie sono cicciona?
Se butto giù un litro di latte e sono intollerante mi viene un colpo?

Riempo un bicchiere di grappa e mi porto a letto la cioccolata.Il coltello.
Ci rimarrò per un giorno, forse 2 o 3 o 10 ma dovrò rialzarmi.
O forse no.  Rialzarsi vuol dire solo aspettare di ricadere.
Se dovessi scrivere il mio epitaffio vorrei fosse:
Silenzio.
vorrei fosse
Siate cool
vorrei fosse
Sapere Aude
Perchè finalmente questa cazzo di voce farebbe silenzio. Questa cazzo di voce di mostro che non sta mai zitta nemmeno quando trombo, quando sono ubriaca ,l'attimo prima di svenire quando vedi tutto nero e senti calore che ti si scioglie addosso. Il mondo va a pezzi ma voi , siate cool . Perchè infondo è meglio ignorare, è meglio non avere coraggio di conoscere.

A volte ho paura. Perchè mi chiedo se ho un dca o qualcos'altro. Mi chiedo cosa devo fare perchè davvero mi aspettavo una vita bellissima e di essere bellissima. Non certo questo...non così.




 Ho tutti i fantasmi intorno.

And I would have stayed up with you all night If had I known how to save a life
Sarei rimasto in piedi con te tutta la notte se avessi saputo come salvare una vita.





10 commenti:

  1. "I mostri sono reali, anche i fantasmi lo sono. Vivono dentro di noi e qualche volta vincono"
    Questa frase mi rappresenta troppo. Ci rappresenta troppo dovrei dire. Il problema è che i nostri mostri non vincono solo qualche volta, ma sempre.
    La nostra vita si sta trasformando in una sopravvivenza. Vogliamo continuare così? :/

    Ti sono vicina <3

    RispondiElimina
  2. Questo mostro non è altro che il nostro inconscio è resta noi a tenerlo a bada il più possibile,per quanto possa essere dura.Dici"rialzarsi vuol dire aspettare di ricadere".Io penso che ci voglia almeno uno sbaglio per fare la scelta più giusta che esista.
    Io mangio mangio mangio e non imparo mai,ma cerco di migliorare ogni volta.Da ogni abbuffata ,ogni digiuno(sebbene li rifaccia sempre)imparo qualcosa.La voce del mostro non è altro che la voce nostra,nulla esiste dentro di noi,siamo soltanto noi a controllare la nostra vita tesoro.Siamo noi soltanto che dobbiamo avere la forza di eliminare questo mostro fittizio..Ti sono vicina non mollare mai,non avere paura di ricadere e di rialzarti.L'uomo è stato creato per questo,per conoscere.Ed è vero si impara solo attraverso gli errori.. un abbraccio forte.La tua Edith <3

    RispondiElimina
  3. If had I known how to save a life

    probabilmente mi salverei da sola.

    RispondiElimina
  4. Se scrivessi una storia faresti soldi a palate.
    A parte questo. Rialzarsi vuol dire solo aspettare di ricadere.
    Perchè tu vuoi ricadere. Tu scegli di ricadere.
    Io sto provando a rialzarmi e farmi il culo per non cadere, e non è per niente male.
    Ti abbraccio forte, scusa se per ora sembro su un altro pianeta :( ti voglio bene <3

    RispondiElimina
  5. Rialzarsi vuol dire solo aspettare di ricadere... ma non è questo vivere? Non è così che un bambino impara a camminare, non è così che si cresce, che si spera, che ci si dispera?
    Cos'altro è vivere se no?
    Piangersi addosso fino a quando la morte viene a prenderci?
    Ma che tristezza... oppure stare a terra come delle merde o fare di tutto per farci fuori senza peraltro avere le palle di andare fino in fondo?
    Naaa... preferisco alzarmi e cadere mille volte, piuttosto che passare il tempo aspettando di morire.
    E tu lo sai, e forse questa è la fregatura più grande.
    Quando sai, non puoi più far finta di non sapere.

    RispondiElimina
  6. Non c'entra una pippa così, a inizio commento, ma... hai mai ascoltato "How to save a life" cantata dal cast di Grey's Anatomy??... E' bellissima, secondo me addirittura meglio dell'originale (senza nulla voler togliere all'originale, eh!...), e io l'ho scaricata qualche mese fa e, nonostante sia una canzone che di per sè mi riporta alla mente brutti ricordi e che quindi preferirei evitare, in questa versione riesco comunque ad ascoltarla e a dire che è veramente bella...

    Ma a parte questo che non c'entra una mazza...
    C'è una frase, in questo post, che mi ha colpito in particolare: "Rialzarsi vuol dire solo aspettare di ricadere".
    Sono d'accordo. E' così. Ma non è così semplicemente il DCA, è così tutta la vita. E non è così solo per me o per te, è così per tutti. Perchè sfido chiunque a dire che la sua vita non è un susseguirsi di alti e bassi. C'è una malattia, la sclerosi multipla, che si dice che ha un andamento "recidivante-remittente"... ecco, io credo che sia la definizione giusta. Il momento della recidiva - della ricaduta - in cui ricompaiono tutti i segni e sintomi, e tutto sembra insopportabile. E il momento della remissione - del rialzarsi - in cui i sintomi scompaiono ed è possibile fare una vita pressochè tranquilla. La paziente malata di sclerosi multipla sa che prima o poi ci sarà un altro attacco di malattia... ma non per questo rifiuta la terapia cortisonica (o con betaferon, o con qualsivoglia farmaco affine), perchè sa che è ciò che la potrà far stare meglio, almeno per un po'. E perchè, allora, non deve valere lo stesso anche per il DCA? I momenti peggiori ci sarannno, innegabile. Ma saranno momenti, appunto. E per qualche momento peggiore, non vale comunque fore la pena di rialzarsi e di vivere la fase di remissione, la fase migliore??!... Se ci possono essere momenti migliori intercalati a momenti peggiori, mi sembra sia comunque meglio dell'avere momenti peggiori intercalati a momenti peggiori...
    Per una volta, non sono d'accordo con Sonnen Blume quando dice che farsi il culo per non cadere non è niente male. No, farsi il culo per non cadere è dannatamente faticoso, difficile, e ti gira il cazzo a manetta perchè stai di un male cane. Però, penso sia comunque preferibile il male che provi nel combattere, al male che provi nel giacere per terra venendo calpestata.

    E a me non me ne frega se hai un DCA o qualcos'altro. A me non me ne frega di quello che HAI. A me importa di COME STAI. Non perdere tempo a cercare etichette da attaccarti... impiega costruttivamente quel tempo per trovare soluzioni al tuo stare male dentro.

    RispondiElimina
  7. credo proprio che tu abbia colpito un pò tutte: "RIALZARSI VUOL DIRE SOLO ASPETTARE DI RICADERE"... Devo dire che personalmente mi hai colpita e affondata... sì, insomma, voglio dire, è la verità quello che dici. Però, dai, Vero, non mi dire che sei stufa di provare, di riprovare a vivere meglio di così?!?! Io credo che rialzarsi sia un bel pò meglio che stare lì a crogiolarsi nel dolore, torturare corpo e anima... certo, a volte è anche la via più facile, lasciamelo dire, e non fraintendere: non credo proprio che a te piaccia vivere così come vivi in questo momento... però a volte può sembrare la via di fuga, il male minore, stare lì, lasciare che la vita ti colpisca come un treno in corsa e non fare niente, o peggio, non sentire niente, lasciarsi vivere, lasciarsi cadere, lasciarsi andare... torna in te. Vorrei che tornassi in te, perchè tu hai tanto da dire, da dare e da fare in questa vita. Ritenta, sarai più fortunata... quante volte è apparsa questa scritta grattando biglietti della lotteria e di altro genere che promettono di farti vincere qualcosa... non posseggo biglietti vincenti, non posseggo soluzioni, ma ho una cosa che mi fa andare avanti, ho voglia di vivere, e questa vita la faccio io, non i biglietti della lotteria, nonostante a volte la vita stessa lo sia, una lotteria! Torna in te, perchè tu ci sei, che tu voglia o no, un segno dentro me lo lasci sempre. Perciò ti prego, continua a farlo!
    Baci.

    RispondiElimina
  8. Ciò che mi preoccupa più di tutto nelle tue azioni è questa totale mancanza di scopo. Falli vivere i tuoi obiettivi V, falli emergere, fatti pure divorare da loro. Ma abbili.
    <3

    RispondiElimina
  9. "mi aspettavo una vita bellissima e di essere bellissima".. vuoi sapere come la penso? così da spassionata che non perde tempo in chiacchere? ti seguo su fb.. sei bellissima. E venderei mezza anima al diavolo per essere bella quanto te... stupenda sei col tuo fascino da ragazza interrotta. Ma siamo interrotte.. e se vendo solo mezza anima è perchè l'altra mezza mi serve per continuare ad essere ciò che sono... quella che si sveglia un giorno distrutta un giorno a mille... quella che pensa di uccidersi e poi le scoppia il cuore da vivere. Abbiamo questo dono/castigo... mezz'anima pazza... dobbiamo conviverci, non possiamo passare la vita a combatterla, perchè più le facciamo la guerra più lei ci si ritorce contro. "Il mio cruccio principale resta la speranza. All'inferno la speranza è davvero un brutto, bruttissimo vizio , come fumare le sigarette o mangiarsi le unghie. La speranza è una cosa davvero tosta e radicata, a cui bisogna rinunciare. Una dipendenza da sconfiggere. Per quanto mi sforzi di resistere all'impulso continuo a sperare. Incrocio le dita affinché se qualche demone deciderà di infilarmi in una tinozza di lava bollente, mi ci getti nuda in compagnia di River PHoenix, che mi dirà che sono carina e cercherà di baciarmi. Il problema è che all'inferno la speranza non esiste. Chi sono io? No ne ho la più pallida idea, ma tanto per cominciare abbandonerò la speranza. Per favore satana mi aiuti lei, farebbe davvero felice. Mi aiuti a superare la dipendenza dalla speranza . Grazie " (palanihuk, dannazione)

    RispondiElimina
  10. cavoli, come scrivi è ipntizzante.
    parole, immagini, sentimenti
    vicky....wow?!

    Mi dispace che tu ti senta cosi male. I mostri li abbiamo tutti ma le persone piu intelligenti hanno i mostri peggiori. Ti prego fatti forza, per una come te ne vale la pena, hai un sacco di possibilità nella vita se li combatti. Hai provato a trasferire i mostri, occuparli in qualcosa di meno distruttivo?
    Un abbraccio
    ps. la mostra, che poi era bellissima, si chiama BodyWorld (milano). di dove sei?

    RispondiElimina