sabato 19 gennaio 2013

Sacco nero

Ho dei problemi al pc . RIesco a connettermi dal cell ma postare è davvero troppo impegnativo.
Appena mio babbo ci da un occhio torno =)


Siamo uomini cavi perchè qualcosa ci ha svuotato.
Balliamo questo valzer viennese
mentre il mondo si apre alla guerra
Noi brindiamo con vino dolce sulle Boulevard
Noi  rifiutiamo l'arte di Manet perchè i dipinti non devono guardare negli occhi
devono rimanere lontani, essere osservati non osservatori.
Non guardarti negli occhi, non guardarmi.

C'è un sacco nero e
puzza di vomito, di sangue , di altro.
C'è un sacco nero fuori dalla finestra della camera
e accanto una tazza di caffè freddo e sigarette.
Una stagnola accartocciata pupille a spillo e una volta di nuvole bianche .
Io o tu o Isa o Vicky
siamo. Ero. è Ero. è Eroina.
O possiamo essere Eroi solo per un giorno.
 
Sono le 3.48
Nella notte la neve assorbe tutti i colori fuor che i raggi lunari.
Teoria del colore. Newton e spettro continuo.
 
Mi fa compagnia il Sacco Nero
il cutter
Isa o Vicky o io o Tu
le Grazie sempre insieme
ma voi non lo sapete
perchè mi vergogno anche qui
La e Le persone
che ci sono
che sono

Vicky è il Sacco Nero

Vuoi sentire quanto pesa il mio stomaco, mamma?
è lì dentro.

Mangia ogni possibilità
e diventa la tomba dei tuoi desideri.
I tagli sono l'epitaffio non celebrativo di una cazzata dietro l'altra.
Sono abbastanza atea da non sperare.
Sei abbastanza desaturata da poter credere che le cose, tutto sommato, vanno avanti anche così.
Vividezza -36 con un tocco di photoshop.
Però le cose vanno avanti anche così.

Ed è vero.
Tutto scorre nella logica delle azioni, della natura e del mondo.
è la prima e necessaria legge fondamentale dell'essere umano:
pantarei.

Solo che questa volta pantarei un cazzo.
Disolito il cutter lo uso con la sinistra perchè mi illudo di non avere abbastanza forza.
Ma sono ambidestra. E so che i tagli è meglio farli in verticale.
Speravo di trovare così tanto principio attivo nell'eroina da overdose.
Per caso.
Sapete che è uno dei pochi casi in cui sei in arresto respiratoio ma il cuore continua a battere?
Per un po', ovviamente. Solo per un po'.